CHIAMA SUBITO 349 2137591

Assistenza idraulici

Pulizia degli impianti idraulici e trattamento acque

Vota questo articolo
(207 Voti)

Impianti Idraulici - Pulizia dell'impianto idraulico

Impianti idrauliciLa pulizia dell'impianto idraulico è l'assenza di sporcizia ottenuta grazie al ripristino dell'impianto, con un lavaggio, detergendo o liberando radicalmente in principal modo le tubature, raccordi tra tubazioni e dispositivi allacciati.

Tipologìe di lavaggio

Le due principali tipologìe di impianti idraulici per cui occorre una pulizia sono:

Idraulico Milano Lavaggio impianto sanitario (acqua potabile calda e fredda)

Idraulico Milano Lavaggio impianto termico (riscaldamento o condizionamento)

Impianti idraulici: componenti coinvolti nella pulizia

I componenti ed i raccordi annessi all'impianto idraulico (come ad es. le chiavi di arresto, sanitari, apparecchi) sono da pulire singolarmente e vengono scollegati dall'impianto durante la fase di pulizia delle tubazioni e possono essere:

-) Pulizia caldaia (e componenti come scambiatore, serpentina, valvola a tre vie)

-) Pulizia scaldabagno

-) Rubinetterìa da revisionare

Idraulico IN - Sezione lavaggio impianti: come interveniamo?intervento-idraulico-garantito

Il tema della pulizia di impianti è all'ordine del giorno, i nostri idraulici intervengono per motivi, sempre legati a problemi su impianti differenti, che tratteremo in questa pagina.

Da oltre 10 anni i nostri idraulici operano in maniera esclusiva nel trattamento delle tubazioni e sono stati i primi ad effettuare interventi certificati e con GARANZIA di almeno 2 anni, sui territori di Milano e Monza Brianza, oggi anche a Como, Varese e Lodi.

I nostri idraulici offrono sempre, a differenza di molte altre imprese, un sopralluogo con POSSIBILITA' DI INTERVENTO immediato perché è sempre importante definire:

-) Numero e tipologìa di componenti

-) Quantità di tubazione da pulire, quindi capacità di litri contenuti

-) Entità dell'ostruzione

..Prima di "mettere le mani".

Verrà dunque stabilito il procedimento di pulizia più adatto, il solvente più coerente al trattamento e conseguentemente il prezzo della pulizia.

NB: diamo sempre la possibilità di intervento immediato al consenso del committente, perché i tecnici vengono selezionati in base alla mansione specifica ed escono già attrezzati per ogni evenienza.

Scopri subito i prezzi per tipologìa.

Vediamo, di seguito, che cosa vuol dire pulire un'impianto e tutto quello che bisogna sapere per effettuare un intervento mirato e adatto alla singola situazione, per evitare di buttare via soldi e tempo con tentativi vani di improvvisati "tuttofare"...

Pulizia impianto: tutto quello che devi sapere

La pulizia o il lavaggio di un impianto sono interventi idraulici da prendere poco alla leggera... si tratta di un risanamento che nella maggior parte dei casi è molto radicale, quindi, con una certa efficacia ed è necessario utilizzare i procedimenti corretti ed avere anche la giusta esperienza, per evitare di incorrere in spiacevoli situazioni.

In questa pagina, più in basso, abbiamo deciso di spiegare "passo-passo" come avviene la pulizia di ogni impianto, perché e quando è giusto farla.

Pulizia delle tubazioni idriche - Lavaggio impianto idraulico sanitario

La pulizia delle tubazioni è un intervento idraulico importante, anche ai fini economici, in forte aumento di richiesta, man mano che se ne conoscono le informazioni, spesso come soluzione prima di intervenire drasticamente.

Via via che gli impianti si fanno più vecchi e per questioni di efficientamento-risparmio energetico, sempre più utenti si stanno avvicinando a questo tipo di soluzione veloce e pulita.

Tubature otturate: perché si sporcano?

Perchè le tubazioni idriche di adduzione di acqua sanitaria si ostruiscono?
Le incrostazioni ed i detriti calcarei, soprattutto all'interno di tubazioni ferrose, sono pericoli incombenti per l'uso domestico dell'acqua e del riscaldamento, spesso sentiamo parlare di "acqua troppo dura" o troppo calcarea, vediamo cosa succede e perché.

Impianti idraulici...Col passare del tempo

Le acque ricche di calcio, evaporando per effetto della temperatura, provocano un progressivo accumulo di carbonati di calcio che si depositano sulle superfici di contatto. Inevitabilmente l'incrostazione comprometterà, con l'accumularsi di calcare, le macchine, gli apparecchi e le tubazioni.
L'accumulo di calcare ci costringe quindi a consumare più energia per il riscaldamento e per la circolazione dell'acqua, le attese di acqua calda si prolungano e talvolta lo scaldabagno o la caldaia non partono neanche. Si calcola che un elettrodomestico aggredito dal calcare consumi fino al 30% di energia in più e subisca un invecchiamento precoce e repentino.

Come accorgersi...

Scaldabagni e caldaie che cominciano a funzionare male o ad intermittenza, poca pressione, mancanza di portata in bagno, poca acqua calda o poca acqua in generale, sono i primi segnali.
Diminuiscono di conseguenza i rendimenti elettrici, talvolta con guasti inevitabili o bollette troppo alte...
Il fenomeno del calcare interessa principalmente i circuiti idraulici dell'acqua calda, poiché, come vedremo anche più avanti, il fenomeno di ostruzione nelle tubazioni calde è più accentuato.

Pulizia ed incentivi in aumento

La forte richiesta, percepita nel nostro settore, ha recentemente fatto sì che molti idraulici del nostro organico si appassionassero al ramo specifico del lavaggio e trattamento acqua, specializzandosi nel settore.

Anche le detrazioni, fino al 65%, di pari passo con la sensibilizzazione ecologica, stanno incrementando il settore.

Purtroppo è vero anche che non si tratta di un intervento generico e così semplice, anche per i rischi che si corrono se non si è specializzati nella mansione o ci si improvvisa da un giorno all'altro..

NB: l'impresa che compie questo tipo di operazione deve essere assicurata sempre contro allagamenti e terze parti, oltre a garantire l'intervento.

Chi interviene per la pulizia?

Idraulico IN ha creato una sezione specializzata per il "LAVAGGIO IMPIANTI" ed esegue questo tipo di intervento e di trattamento in maniera esclusiva, con attrezzatura e artigiani italiani, qualificati all'impiego.

Differenza tra disotturazione, spurgo e pulizia: terminologìa

Disotturazione
Disotturazione degli scarichi

Si parla di disotturazione nel caso degli scarichi intasati, quando non c'è più passaggio di acqua in deflusso.

Occorrerà prendere dei provvedimenti immediati, spesso infatti si tratta di un'intervento urgente e bisogna far intervenire un idraulico del pronto intervento. Ecco alcuni suggerimenti per la disostruzione degli impianti di scarico e disotturazione scarichi con esempi di intervento.

Scarichi intasati:come prevenire?

Nel caso degli impianti di scarico, con regolari manutenzioni e l'ausilio di prodotti sgorganti generalmente in commercio. Salvo cadute accidentali di materie organiche solide o solidificatesi per mancati trattamenti, piuttosto che lunghe distanze e mancate pendenze verso le principali reti fognarie.

Disotturazione impianto di carico (o sanitario)

Per l'impianto sanitario, quando non arriva più acqua alle utenze (wc, bidet, lavabo, doccia, cucina, e così via..). La disotturazione è solitamente un intervento idraulico urgente.

Difficilmente si potrà risolvere con una semplice pulizia.

La pulizia dell'impianto sanitario, quindi dell'impianto di acqua fredda e calda potabile, deve essere effettuata subito dopo la disotturazione dell'impedimento, per evitare che si ricrei una situazione analoga in altri punti o in futuro.

Disotturazione condizionamento

La pulizia degli impianti di condizionamento avviene per questioni di nuova installazione e si consiglia sempre di effettuarla con un tecnico munito di patentino da frigorista, giusto per assicurarsi che sappia "quello che fà". Non è quasi mai necessario un'intervento idraulico urgente ma rimane un passaggio fondamentale per il cambio del gas refrigerante.

Disotturazione riscaldamento

Quando la caldaia fa rumore e dopo un breve periodo di accensione va in blocco, può essere segno di sporcizia o addirittura intasamento dello scambiatore, piuttosto che dell'impianto in vari punti che trovate in questa sezione lavaggio riscaldamento.

Spurgo impianti

Lo spurgo è sinonimo di disotturazione, disgorgo, ma è generalmente utilizzato per i servizi più importanti ed urgenti come lo svuotamento di fosse biologiche o condotti comuni, condominiali o comunque al di sopra del diametro di uno scarico domestico (salvo rari casi di urgenza intasamento calcificato per i quali resta sempre utile un'autocisterna attrezzata, se necessario).

Disostruzione

La disostruzione è anch'essa un sinonimo, ma nel gergo tecnico utilizzato dagli idraulici è la rimozione delle ostruzioni, molto più generica meno urgente, include anche la disotturazione in situazioni in cui non ci sia una completa chiusura di passaggio, ma si provvede per un tratto più lungo della tubazione.

Pulizia impianti

La pulizia invece, a differenza degli interventi sopracitati è un'intervento non urgente, ma viene effettuato su tratti più lunghi o coinvolgendo tutto l'impianto sanitario, spesso per maggiore efficacia, contestualmente legato a situazioni a rischio di compromissione, di anomalìa, di mancata accensione di caldaie o scaldabagni o abbinate ad uno spurgo.

In questa pagina parleremo degli interventi, spesso urgenti, di disotturazione, disostruzione, decalcificazione, decapaggio ma anche del trattamento delle acque e della pulizia degli impianti idrici e termoidraulici.

Quando è necessario un LAVAGGIO IMPIANTI?tubazioni-incrostate

Quando è troppo tardi per installare dei filtri, quano non arriva acqua calda in bagno o in cucina, quando non funziona uno o più apparecchi come caldaie e scaldabagni a gas o elettrici.

Nel caso degli impianti di scarico, quando non abbiamo più un deflusso corretto oppure semplicemente non c'è mai stato.

Tuttavìa, per tutte le altre tipologìe di impianti, non sempre ci si accorge di quando è il momento di pulire l'impianto.

Verifica fattibilità di lavaggio

Per assicurarsi che ci sia realmente una necessità concreta di effettuare la pulizia dell'impianto idrico, oltre a situazioni di disfunzione termica ed anomalìe sulla portata o efficienza delle tubazioni che creano tangibilmente situazioni di disagio come la mancata accensione di un apparecchio, vi sono dei parametri di riferimento, come la durezza dell'acqua, che ci consentono di stabilire se e quando sarà necessaria una bella pulizia...

Cosa succede ai miei tubi?

pulizia-impianto-riscaldamento-incrostazioniCome vedremo più in basso, nel trattamento delle acque, l'incrostazione presente nelle tubazioni si fa seria per via della reazione chimica di alcune sostanze, la conseguenza è che non abbiamo una portata sufficiente e quindi scarsa pressione nei tubi, nel caso degli scarichi si tratterà di materia organica o oggetti accidentalmente caduti e per le vecchie tubature sanitarie, spesso in ferro, a volte ci vogliono le maniere "giuste"...

Come pulire l'impianto

Per pulire l'impianto idrico di un bagno, escluderemo ed eventualmente puliremo a parte, i sanitari e tutti gli elettrodomestici ad esso collegati (lavatrice, scaldabagno, lavastoviglie, etc.). Dopodiché si procederà alla fase di pulizia vera e propria dell'impianto, cioè al lavaggio chimico delle tubazioni.

Lavaggio chimico

Pulizia-impianto-idraulico-pompaLa pulizia degli impianti idraulici con lavaggio chimico avviene nella maggior parte dei casi per mezzo di una elettropompa, dalla prevalenza e potenza adatta, con l'utilizzo di prodotto solvente, a seconda del materiale di cui è fatto l'impianto esistente, dopo vari risciacqui ecco un secondo ciclo inibitore che annulla i precedenti solventi e disincrosta, proteggendo chimicamente le pareti interne dei tubi, facendo scivolare futuri eventuali tentativi di ostruzioni, spesso capita negli appartamenti che hanno più di 30 anni, con tubazioni di ferro zincato.

Se non ci avete ancora provato...

Esistono diversi interventi di pulizia impianto idraulico anche meno "invasivi" ed onerosi rispetto al lavaggio chimico, come ad esempio il cosiddetto "controlavaggio" dei tubi di carico acqua sanitaria.

Le disfunzioni di impianto a causa delle ostruzioni di natura ferrosa e calcarea le riconosciamo quando ad esempio arriva poca acqua calda in bagno oppure in generale ai sanitari, quando i dispositivi come caldaie o scaldabagni a gas non partono per mancanza di pressione o portata.

Questi fenomeni, che si creano a partire dalle alte temperature, sono molto frequenti nelle vecchie tubazioni in ferro, anche se per pochi tratti o in maniera parziale, ancora esistenti in molti appartamenti, questi impianti andrebbero sicuramente spesso puliti e SEMPRE protetti. Il lavaggio chimico che effettuano i nostri tecnici è garantito per n.2 anni e viene eseguito con pompe molto prevalenti ed effettuato a dosaggio calibrato di solventi appositi.

Per noi idraulici della sezione "lavaggio impianti" non è più come una volta, quando si rischiava di bucare i tubi corrodendoli con dosaggi errati ed eccessivi di acidi o sostanze sbagliate... Per noi è fondamentale utilizzare la quantità e la tipologìa di prodotto necessario, nel dosaggio necessario, per ottenere MATEMATICAMENTE il risultato esatto della previsione stimata al sopralluogo*.


Ricordiamo che...

La pulizia delle tubazioni di un impianto idraulico civile o industriale può dividersi in tre categorie:

-Pulizia impianto di carico (acque chiare)
-Pulizia impianto di scarico (acque chiare e nere)
-Pulizia impianto termico di riscaldamento

*per questi interventi i nostri tecnici offrono SEMPRE un sopralluogo con la possibilità di intervento immediato.

Chiama il tecnico più vicino della sezione "pulizia impianti" per maggiori informazioni 

Impianti idraulici - Trattamento acque

Galleggiante idraulico

...prevenire è meglio che curare...

Impianto sanitario ed impianto di scarico: dall'analisi all'intervento mirato

L'ostruzione delle tubazioni, che quindi necessitano di una pulizia, che siano di scarico, del riscaldamento o di adduzione sanitaria, può essere controllata con dei trattamenti.

Ma vista la promiscuità degli elementi, dobbiamo sempre essere (noi idraulici) i primi a sapere su che impianto stiamo per intervenire, di che tipo e quali i materiali impiegati per la posa, quindi poi i solventi per la pulizia.

Per questo motivo, prima di effettuare un intervento di questo tipo, occorre effettuare alcuni test, primo fra tutti quello della durezza dell'acqua.

Analisi acqua potabile

Tra le prime rilevazioni che sono doverose ai fini del DGL n.31/2001, occorre effettuare sempre un'accurata analisi delle acque, che siano potabili o di deflusso.

A tal proposito RICORDIAMO che:

l'unico ente autorizzato ad effettuare l'analisi COMPLETA chimico-fisica dell'acqua potabile è IL LABORATORIO ASL del Comune di pertinenza.

Infatti, per capire nello specifico quali ed in che percentuali, sono presenti sostanze indesiderate nelle tubature di acqua potabile, quindi anche dell'acqua.

Contattando l'ASL di competenza si potrà ricevere un bollettino (circa 22,50€) da pagare, rivcevendo successivamente un appuntamento entro poche settimane dalla richiesta.

Chiaramente le realtà che effettuano analisi di laboratorio sono molteplici, ma nessuna di queste altre può emettere un Certificato di Potabilità riconosciuto.

Analisi durezza acqua

Al contrario, l'analisi della durezza dell'acqua poabile, che andiamo di seguito a definire, può essere effettuata in differenti modalità, con rilevazione del quantitativo di residuo calcareo, ruggine e molto altro inerente alla capacità dell'acqua di ostruire, in relazione alla sua composizione a contatto con l'impianto idraulico in questione.

Per problemi di pressione dovuti a ruggine, alghe o calcare sarà sufficiente contattare un tecnico ben attrezzato e specializzato-abilitato alla mansione.

Per maggiori info CHIAMA SUBITO un tecnico è già disponibile per te!

Impianto idraulico acqua sanitaria: analisi e filtraggi

I nostri idraulici possono determinare con dei semplici strumenti e tester, anche a mezzo di intervento preventivo, lo stato attuale delle tubature e stabilire il livello di incrostazioni sia depositate (durezza permanente) che depositabili (temporanea).
Parleremo quindi di durezza totale dell'acqua.

Lavaggio-impianto-sanitario

Che cos'è la durezza dell'acqua?

La durezza dell'acqua è determinata dalla somma di durezza temporanea e permanente, essa ci fornisce un valore (in gradi francesi f) che determina il livello di sporcizia creatasi, stabile, libera o potenzialmente accumulabile all'interno degli impianti.

Temporanea

La durezza temporanea è composta dai bicarbonati dei metalli alcalino-terrosi che scompaiono durante l'operazione di ebollizione.

Permanente

La durezza permanente è composta dalla quantità di cationi dei metalli alcalino-terrosi che non scompaiono in fase di ebollizione.

Valori e parametri dell'acqua: test di durezza

La durezza totale dell'acqua è composta dalla durezza temporanea + la durezza permanente, La durezza totale viene generalmente espressa in gradi francesi (ºf, da non confondersi con i ºF, gradi Fahrenheit), dove un grado rappresenta 10 mg di carbonato di calcio per litro d'acqua.

Altre, nuove unità per misurare la durezza dell'acqua

Attualmente si usa anche il grado MEC, che corrisponde ad 1 g di carbonato di calcio in 100 litri ed è perciò uguale al grado francese.
Ecco la scala di durezza idrica e la loro classificazione:
-) acque con durezza fino a 7ºf: >>> molto dolci
-) acque con durezza da 7ºf a 14ºf: >>> dolci
-) acque con durezza da 14ºf a 22ºf: >>> mediamente dure
-) acque con durezza da 22ºf a 32ºf: >>> discretamente dure
-) acque con durezza da 32ºf a 54ºf: >>> dure
-) acque con durezza oltre 54ºf: >>> molto dure

Nella stessa città, la durezza dell'acqua può variare secondo la zona, la fonte di prelevamento dell'azienda fornitrice, l'acquedotto da cui provengono.
NB: è possibile interpellare l'azienda distributrice (o il Comune di pertinenza) per conoscere la durezza della fornitura idrica nella propria zona.
Per misurare la durezza totale dell'acqua i nostri idraulici del lavaggio impianto utilizzano un attrezzo specifico omologato per questo tipo di misurazione in maniera attendibile, come apparecchio di rilevanza o striscette campione.

Qui di seguito un test molto comune, riconosciuto dalla Comunità Europea e generalmente utilizzato per i parametri di durezza.

Test-durezza-acqua-idraulico

Lavaggio impianto di condizionamento

E' possibile pulire la tubazione dei vecchi climatizzatori, con dei metodi simili a quelli dell'impianto sanitario e di riscaldamento.

L'idraulico per i condizionatori dovrà innanzitutto recuperare, per non disperdere nell'ambiente, i vecchi gas in pressione, o no, dell'impianto di climatizzazione esistente, poi procedere con lavaggio ad azoto, con alta pressione, con filtro, etc. a seconda del caso specifico, del gas esistente, contestualmente al nuovo gas refrigerante da immettere.

Pulizia clima: per una nuova installazione su vecchia tubazione, ad ok

Solitamente il lavaggio degli impianti di climatizzazione avviene in concomitanza con nuova cartellatura delle estremità delle tubazioni per un efficace ripristino delle tenute di pressione, cosa fondamentale, RICHIEDETELO AL VOSTRO IDRAULICO!

Normativa trattamento acqua impianti termici

Normativa Uni cti 8065 - ripresa in Italia dal dpr 59 del 2009

Non è detto che si possa applicare solo agli impianti sanitari, anzi!!!

L'adeguamento è valido anche per le situazioni di ostruzioni e nelle sostituzioni di apparecchi come caldaie e scaldabagni.

Il Dpr del 2 aprile 2009, n. 59 (pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale, n. 132, del 10 giugno 2009), entrato in vigore il 25 giugno 2009, ha reso OBBLIGATORIO l'adeguamento degli impianti di trattamento dell'acqua calda nelle abitazioni, quando i contenuti di calcare sono troppo elevati.
L'obbligo non coinvolge tutte le abitazioni, esclusivamente quelle dove la durezza "totale" dell'acqua è pari o superiore a 25 gradi francesi (impianti di riscaldamento) o a 15 gradi francesi (impianti per acqua calda).
Le prescrizioni del Dpr 59/2009 ai fini del rilascio delle certificazioni energetiche e igeniche diventano comunque inderogabili in alcuni casi determinati:

-)nuova costruzione;
-)ristrutturazione totale;
-) impianti termici installati ex novo o ristrutturati;
-)sostituzione di apparecchi generatori di calore (caldaie, termoconvettori, condizionatori, etc).

Obblighi e prescrizioni

L'articolo 4, comma 14, del Dpr 59/09, prescrive:
a) in assenza di produzione di acqua calda sanitaria ed in presenza di acqua di alimentazione dell'impianto con durezza temporanea maggiore o uguale a 25 gradi francesi:
1) un trattamento chimico di condizionamento per impianti di potenza nominale del focolare complessiva minore o uguale a 100 KW;
2) un trattamento di addolcimento per impianti di potenza nominale del focolare complesiva compresa tra 100 e 350 KW;
b) nel caso di produzione di acqua calda sanitaria le disposizioni di cui alla lettera a), numeri 1) e 2), valgono in presenza di acqua di alimentazione dell'impianto con durezza temporanea maggiore di 15 gradi francesi.

Per le caldaie con potenza superiore a 350 KW, la legge prevede un addolcitore con filtro di sicurezza che porti l'acqua sotto i 15 gradi francesi.

Trattamento delle acque: soluzioni e adeguamenti

Nel trattare le acque dell'impianto sanitario ci sono due sistemi: i condizionatori magnetici (sotto i 25 ºf di durezza) o gli addolcitori chimici (a resina o a polifosfati).
Per il circuito di riscaldamento si può fare lo stesso, nella fattispecie chi ha un "termoautonomo" può installare un filtro collegato sotto la caldaia, per defangare acqua che circola nei caloriferi.
Si può anche decidere di trattare tutta l'acqua che circola in casa, con un trattamento fisico, collocando il dispositivo subito dopo il contatore (in alternativa dopo la saracinesca d'arresto principale) dell'acqua fredda che serve l'appartamento.

Trattamento fisico di prevenzione

Il trattamento fisico avviene con il cosiddetto condizionatore o decalcificatore magnetico. Consiste nel far passare l' acqua attraverso un potente campo magnetico: il carbonato di calcio e tutti gli altri ioni disciolti nell' acqua vengono saturati elettricamente e il calcare non ha più possibilità di formarsi e di depositarsi, così assume una forma cristallina, la cosiddetta aragonite, molto simile alla polvere del talco. In tal modo sarà facilmente trascinato dalla corrente d'acqua evitando dannosi depositi.
I condizionatori magnetici (utilizzabili entro i limiti di durezza di 25 ºf) offrono i seguenti vantaggi:
-) non richiedono l'impiego di prodotti chimici e additivi;
-) le qualità naturali dell' acqua non vengono alterate;
-) nessun consumo di energia elettrica;
-) maggiore efficienza degli impianti;
-) minore manutenzione degli impianti;
-) riduzione dei costi di gestione;
-) limitate dimensioni d' ingombro.

Trattamento chimico di prevenzione

I trattamenti chimici più usati sono invece due: gli addolcitori con resine e gli addolcitori con polifosfati.

Trattamento con filtro di resina

Gli addolcitori, durante il passaggio dell'acqua al loro interno, attraverso un letto di resine, trattengono il calcare dell'acqua, fino a quando si raggiunge la cosiddetta saturazione, una volta sature di calcare, le resine si puliscono mediante un controlavaggio automatico, immettendo nelle resine la salamoia (miscela di acqua e sale comune), il calcare viene rilasciato dalle resine, depositandosi nella salamoia e successivamente nello scarico, quindi l'addolcitore è pronto per un altro processo di scambio ionico.
NB:le resine, specialmente con acqua di pozzo, devono essere disinfettate spesso, per evitare la formazione di flora batterica.

Trattamento con polifosfati attivi: addolcitore

Il trattamento con polifosfati unisce fosfati con carbonato di calcio per formare un'unica macromolecola stabile.
Questo metodo è molto diffuso, anche se meno efficace e serve a inibire le sostanze che passano nei tubi in base alla durezza dell'acqua.
NB: il dosaggio deve essere proporzionale alla quantità di calcio presente nell' acqua, pertanto in molti impianti si possono superare i valori limiti posti dalla legge, con possibili danni per la salute!
E' importante quindi interpellare un idraulico per la corretta valutazione di una installazione di un filtro sotto lo scaldabagno e caldaia.
Gli addolcitori con polifosfati devono avere per legge, a monte dell' impianto, una valvola di non ritorno per evitare possibili riflussi nella rete idrica urbana.

 

Chiedi al nostro idraulico come risparmiare con detrazione fino al 65%, il nuovo Conto termico 2.0 o immediatamente con fattura ad IVA 0% !!!

 

>>Prezzi e tipologìe di lavaggio impianti:

-Pulizia impianto di carico (acque chiare)
-Pulizia impianto di scarico (acque chiare e nere)
-Pulizia impianto termico di riscaldamento

>>>o passa a:

-Manutenzione impianto idraulico

 

Siamo Centro Assistenza Autorizzato "Sylber" e "Beretta" ed installatori di qualsiasi tipologìa di caldaie e scaldabagni.

Chiama gli idraulici professionisti di Idraulico In al NUMERO 349 21 375 91 oppure compila il form per essere ricontattato, i nostri tecnici saranno a tua disposizione per risolvere con rapidità ogni problema idraulico e termoidraulico a Milano, Monza e Brianza.

Per contattare un esperto idraulico gratuitamente e senza impegno, compila il seguente modulo:
Nome:
Email:
Telefono:
Messaggio opzionale:
Trattamento dati: Acconsento al trattamento dei dati (clicca per informativa privacy) e dichiaro di essere maggiorenne

 

 

Letto 26567 volte

99 commenti

InizioPrec123456SuccFine

Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove indicato.
Codice HTML non è permesso.

 

Assistenza idraulici

 

Preventivo online

Per contattare un esperto idraulico gratuitamente e senza impegno, compila il seguente modulo:
Nome:
Email:
Telefono:
Messaggio opzionale:
Trattamento dati: Acconsento al trattamento dei dati (clicca per informativa privacy) e dichiaro di essere maggiorenne

Interventi idraulici

Sanitrit

sanitrit

Tutto sul trituratore Sanitrit. Tutti i modelli, quando e quale modello acquistare, i prezzi, le migliori offerte e tutti i consigli per l'installazione direttamente dall'idraulico di Idraulico in!