CHIAMA SUBITO 349 2137591

Assistenza idraulici

Installazione caldaia

Vota questo articolo
(449 Voti)

Come si installano le caldaie?

installazione-caldaieL'installazione della caldaia domestica è il montaggio a parete (liscia e priva di protuberanze) o a muro (come nella maggior parte delle recenti caldaie) di un apparecchio a combustibile che permette il riscaldamento di un ambiente perché collegata ad uno o più circuiti idro-termosanitari, ad un impianto idrico, ad un impianto del gas.

L'installazione della caldaia definisce la potenza ed i consumi di ogni impianto di riscaldamento impiegando su di esso una forza che viene calcolata in kW che, sempre parlando di caldaie domestiche o condominiali, possono andare dai 20kW ai 32kW di potenza.
Il termoidraulico o termotecnico può stabilire la giusta potenza per il tipo di ambiente che la caldaia installata dovrà servire.

Un idraulico installatore quindi effettua l’installazione secondo le norme UNI e CE, effettuerà il primo collaudo (o accensione) ,compilerà poi un libretto d'impianto (secondo il riferimento Decreto Ministeriale 17/03/03) che attesta l'installazione.

Installazione caldaia

Possiamo suddividere diversi modi di installazione della caldaia in base al tipo di caldaia:

Caldaia di tipo "B"

Quandoi fumi della combustione vengono aspirati e scaricati per effetto di un tiraggio naturale dato da un camino singolo o una canna fumaria collettiva, la cosiddetta caldaia a camera aperta. Può essere installata nei luoghi in cui vi siano i presupposti, oltre che di conformità, anche una sufficiente evacuazione quindi tiraggio sufficiente.

Caldaia di tipo "B22"

Quando l'aspirazione per il tubo dei fumi di scarico (usando l'apposito terminale) trova appunto aspirazione nello stesso locale in cui è installata la caldaia;

Caldaia di tipo "C"

Quando tutti i tubi sia di scarico che di aspirazione, e quindi con tiraggio forzato, sono collegati ad una rete o condotti di scarico comuni, canna fumaria, come ad esempio nei condomini dove si procede con l'incamiciatura. Parliamo di camera stagna.

- Caldaia a condensazione

La caldaia a condensazione è come una caldaia di tipo "C" ma utilizza un sistema innovativo di risparmio energetico sfruttando la condensazione, ovvero lo scarto di temperatura tra l'esterno ed i tubi di scarico fumi che crea condensa, ricadente e riutilizzata per il riscaldamento del circuito termico di riscaldamento a cui è collegata. Dunque produce una condensa da covogliare in acque scure (o nere) a causa della sua acidità.

Caldaia a basso consumo / basse emissioni

Le caldaie a basso consumo, sfruttano sicuramente la condensazione ed inoltre sono spesso allacciate a circuiti termici di riscaldamento con impianto a pavimento o a pannelli solari e permettono la gestione di alta e bassa temperatura come alta e bassa pressione del riscaldamento, con una resa termica ottimale ed un sensibile risparmio energetico, oltre che basse emissioni di CO2.

Installare caldaia: prezzo

Chiedi al nostro idraulico come risparmiare con il nuovo Conto termico 2.0 o immediatamente con fattura ad IVA 0% !!!

Costo installazione caldaia senza fornitura apparecchio

I nostri idraulici sono in grado, a differenza dalla maggiorparte dei tecnici sul territorio di Milano e Monza Brianza, di scorporare, il costo dell'intervento di sostituzione della vecchia caldaia per la nuova installazione.

Questo significa che si potrà acquistare l'apparecchio che si vuole, da chi si vuole, al miglior prezzo, anche online tramite il nostro stesso sito!

Prezzo per installazione caldaia di medio consumo domestico

Perché essere costretti ad accettare un'offerta (spesso poco conveniente) da parte dell'idraulico che si improvvisa anche rivenditore?

Coi tempi che corrono, a meno che si tratti di persona con documenti tracciabili e con prezzi sempre dimostrabili delle caldaie, rischiamo di incappare in un sovra-prezzo sulla fornitura. L'idraulico che fornisce tende sempre a fare la cosiddetta "cresta" sul prezzo dell'apparecchio in questione.

Di solito sono offerte fittizie e partono dalle 1.300 € per la fornitura di caldaia a tiraggio naturale o da 2.000 € per quelle a condensazione.

Immaginiamo il risultato finale, comprensivo di installazione e varie modifiche (soprattutto per le nuove a condensazione) che può venir fuori.... ad esempio:

Prezzo installazione caldaia a Milano e Monza Brianza

Solitamente un'installazione caldaia comprensiva di fornitura, nella città di Milano (soprattutto in centro) o in città come Monza Brianza, per nostra esperienza, va a partire dalle 1.600 € per una caldaia a tiraggio naturale, da € 1.800 per quella turbo e non di meno. Niente di più disonesto, se non si tratta di una caldaia di elevata qualità o a bassi consumi energetici!!!!

Non vogliamo neanche immaginare a che prezzi si arriva, con le varie modifiche ed intubazioni di camino per l'adattamento della struttura per passare a condensazione...

Offerta prezzi su installazione caldaie a Milano e Monza Brianza

"Idraulico In" è in grado, grazie alla disponibilità e professionalità garantita dei suoi tecnici, di scorporare il costo di installazione e di varie modifiche dal totale del lavoro idraulico, permettere al cliente e consigliare la scelta di una ottima caldaia a prezzi molto vantaggiosi, che il committente stesso riscontrerà o confronterà liberamente, magari anche da casa sua.

A tal proposito abbiamo creato una sezione per consigliare la scelta giusta dell'apparecchio alla nostra pagina acquista caldaia.

Quanto costa solo installazione?

Oltre ai prezzi presenti sul mercato, che partono da € 600/700 possiamo garantire al nostro cliente un risparmio imediato sull'installazione della caldaia.

Chiedi al nostro idraulico come risparmiare con il nuovo Conto termico 2.0 o immediatamente con fattura ad IVA 0% !!!

Costo normale dei nostri idraulici

Anziché detrarre nel tempo, sarà possibile eliminare i costi di IVA, sia per la fornitura che per il lavoro di sostituzione con annesso lavaggio chimico dell'impianto di riscaldamento (obbligatorio per Legge dal 2009) e caloriferi annessi a soli € 600. Quindi un risparmio IMMEDIATO.

Questo prezzo comprende:

-Smaltimento vecchio apparecchio

-Creazione punto condensa

-Nuova installazione con prima accensione e collaudo gratuito

-Lavaggio chimico impianto di riscaldamento con caloriferi e secondo ciclo protettivo

-Fattura e partenza della garanzìa

Il costo della sola installazione sarebbe di € 400 esclusi i tubi di scarico fumi, ma visto il DLg del 2009 abbiamo l'obbligo di abbinarvi una pulizia del circuito termico a risanamento energetico, pena la decadenza della garanzìa sullo scambiatore da parte del Centro Assistenza Autorizzato.

Abbiamo quindi pensato di abbinare questo tipo di intervento a prezzo convenzionato (€200) mentre l'operazione di pulizìa impianto di riscaldamento di per sè costerebbe intorno alle 450 €.

Costo installazione convenzionata caldaia

Il discorso "costi di installazione caldaie" si fa molto più interessante per gli utenti che desiderano acquistare la caldaia ONLINE tramite il nostro sito.

Potremo ottenere un'installazione caldaia convenzionata a soli € 500 comprensivo di tutto, lavaggio impianto termico incluso, se l'acquisto su "Amazon" partirà dal click sulla pagina di acquisto caldaia.

Dove installare la caldaia?

La caldaia può essere installata all'esterno (con kit di copertura o kit antigelo), in luogo parzialmente protetto o all'interno di locali adibiti, a seconda della tipologia di apparecchio, data la sua potenza (kW) e vista la presenza di impianto del gas.

Dove è vietato installare la caldaia?

La caldaia non si può montare all'interno di locali con pericolo incendio come auto­rimesse e box auto, direttamente in corrispondenza verticale del piano cottura, negli ambienti costituenti le parti comuni (ad esempio condominiale) come scale, cantine, androni, solaio, sottotetto, vie di fuga e tutti quei locali non conformi alle normative vigenti.

A meno che si tratti di vani tecnici di pertinenza che sono accessibili solo all'utilizzatore (UNI CIG 7129/08).
E' vietata anche l’installazione dei relativi canali da fumo, condotti di scarico fumi e condotti di aspirazione dell'aria comburente.
E' vietata infine l'in­stallazione di impianti alimentati con i gas più pesanti dell’aria, come il propano, in locali aventi il pavimento ad una quota inferiore a quella esterna media di campagna.

E' vietata la caldaia di tipo "B" e quindi a camera aperta nei locali abitativi civili in cui oltre al "living" è inclusa la zona in cui si dorme, come ad esempio nei monolocali, dove è obbligatorio (secondo i recenti adeguamenti legislativi UNI) installare un apparecchio energetico a combustibile fossile e relativo impianto energetico di tipo "C" ovvero caldaie a camera stagna.

Si può installare la caldaia in bagno?

L'ultimo aggiornamento della legge sugli impianti (la UNI 7129), precisamente nel 2015, vieta l’installazione di apparecchi di tipo "B" in locali uso bagno e gabinetti (vedi relative definizioni nella UNI 7128:2015).

Sostituzione caldaia in bagno

Nel gabinetto si permette la sostituzione di apparecchi già installati collegati a canne comuni di raccolta (canna fumaria - tiraggio naturale), qualora non sia possibile la sostituzione con un apparecchio di tipo "C" (camera stagna - tiraggio forzato) collegato ad un nuovo sistema di evacuazione fumi oppure con scarico a parete (l’apertura di ventilazione deve essere aumentata del 50%, con un minimo di 200 cm2);

NB:non si fa alcun riferimento ai locali ad uso lavanderia, talvolta utilizzati come servizio igienico aggiuntivo.

 

Come funziona la prima accensione della caldaia?

Dopo aver effettuato tutti i collegamenti elettrici dell'apparecchio e del termostato, si procede con il primo collaudo della caldaia.

 allacciamento elettrico e prima accensione

La prima accensione (o collaudo) della caldaia è la prima messa in funzione certificata dell'apparecchio.
La prima accensione deve essere fatta da un tecnico abilitato perché questi deve rilasciare al committente una dichiarazione di conformità di installazione e di verifica di scarico dei fumi. In genere per la prima accensione si chiama il tecnico di zona spesso usando il numero verde che si trova sulla caldaia, ma questo non è imposto dalla legge!! Si può decidere di chiamare tranquillamente anche un tecnico di conoscenza o referenza purché abilitato. 

Entro quando devo fare la prima accensione o collaudo?

Dal momento dell'installazione della caldaia, dopo che l'idraulico ha rilasciato adeguate dichiarazioni di conformità e di installazione a norma UNI e CE e rilasciato libretto d'impianto della caldaia, si dispone per legge di un massimo di 30 giorni lavorativi per attivare e dichiarare il corretto funzionamento dell'apparecchio energetico al comune di residenza. Questo avviene dunque con il collaudo o "prima accensione".

Che cos'è il libretto di impianto?

Il libretto d'impianto è tutta la parte burocratica - amministrativa che si trova in parte nella nuova caldaia (come adesivi, codici, diaframma dello scarico, etc.) ed in parte forniti e compiati dall'idraulico che esegue la prima accensione, da allegare con i documenti di installazione della caldaia, certidicazione di conformità di installazione e requisiti tecnici (visura camerale) dell'impresa installatrice.

Il Libretto d'impianto è obbligatorio.

La caldaia a condensazione è obbligatoria?

L'installazione della caldaia a condensazione, secondo l'ultima integrazione di legge entrata in vigore a Settembre 2015, per gli impianti di riscaldamento installati dopo il 31 agosto 2013 collegati a sistemi di evacuazione dotati di sbocco a parete, è consentita soltanto per dispositivi a basso consumo energetico o con scarico fumi sul tetto dell'edificio.

L'altezza dello sbocco sul tetto, in particolare, deve rispettare le regolamentazioni vigenti.
Gli impianti termici installati successivamente devono essere collegati ad appositi camini, canne fumarie o sistemi di evacuazione dei prodotti di combustione, con sbocco sopra il tetto dell'edificio alla quota prescritta dalla regolamentazione tecnica vigente.
Chi dovrà installare una nuova caldaia, in un nuovo edificio, a seguito di una ristrutturazione importante o sostituirne una già esistente (se installata prima del 31 agosto 2013) dovrà quindi scegliere solo fra i modelli a condensazione oppure a bassa emissione/rendimento sopra i 90+2 log Pn . Oppure scaricare i fumi di scarto combustione a tetto.


Per riassumere:
Prima del 18/12/2012
Lo scarico a parete era consentito nella sostituzione secondo i regolamenti locali dei comuni;
Dopo il 18/12/2012 - Legge 221/2012
Lo scarico a parete fu consentito soltanto per caldaie a condensazione;
Dopo il 31/08/2013 - Legge 90/2013
Lo scarico a parete fu consentito per l'installazione di caldaie a bassa emissione (NOx) o caldaie a condensazione;
Dopo il 19/07/2014 - Dlgs 102/2014
Lo scarico a parete è consentito solo con caldaie a bassa emissione NOx classe 5, caldaie a condensazione o caldaie convenzionali a camera stagna aventi rendimento maggiore di 90 +2 log Pn
NB: l'adempimento dell'obbligo di cui al comma 9 risulta incompatibile con norme di tutela degli edifici oggetto dell'intervento, adottate a livello nazionale, regionale o comunale.

Quando non è obbligatoria la caldaia a basso consumo?

Lo sbocco sul tetto, in particolare, si può evitare nel caso di:

-) sostituzione di caldaie installate prima del 31 agosto 2013 dotate già di scarico a parete o all'interno di una canna fumaria collettiva;
-) presenza dell'attestazione scritta dal progettista il quale attesta l'impossibilità di istituire l'impianto con lo scarico sul tetto;
-) edifici e strutture in cui lo scarico sul tetto si riveli incompatibile con le norme legate alla tutela e alla sicurezza dell'edificio.


Importante: a partire dal 26 settembre 2015 i produttori e fornitori di caldaie non potranno più immettere sul mercato apparecchi che non siano a condensazione o a classe energetica elevata, le caldaie a condensazione diventeranno praticamente l'unica soluzione.

 

Installare la caldaia turbo fino a quando?

La tipologia di caldaie di tipo "C" con tiraggio forzato e quindi a camera stagna è ancora in vendita fino ad esaurimento scorte. Infatti la produzione di questi apparecchi è stata rimpiazzata dalle caldaie a condensazione, quindi chi riesce ancora ad acquistare e, in coerenza con le conformità, può ancora installare una "turbo" deve approfittare perchè stanno per finire...!!!

Contattando i nostri idraulici possiamo chiedere conferma di quanto scritto e scoprire se ve ne sono ancora nei magazzini.

Installazione caldaie a condensazione

Installare la caldaia a condensazione

Si procederà sempre di più quindi, con l'installazione di caldaie a condensazione, l'utilizzo di caldaie a camera stagna di tipo "C" andrà via via scomparendo se non ancora per la normativa, per via della normativa che impone alle case costruttrici la cessazione di produzione.

Installare la caldaia a condensazione sarà sempre di più la prima scelta durante una sostituzione di apparecchio, sicuramente, vista la sua nuova natura ecologica e le sue caratteristiche innovative sopracitate, la caldaia a condensazione neccessiterà una posa a regola d'arte e con le giuste predisposizioni atte al suo corretto funzionamento e soprattutto secondo le normative.

Installazione caldaie a condensazione: normativa

Vediamo quali sono le normative in vigore che regolano l'installazione certificabile di una caldaia a condensazione:

l'impianto termico deve essere collegato ad una caldaia con scarico in appositi camini, canne fumarie o sistemi di evacuazione dei prodotti di combustione, con sbocco sopra il tetto dell'edificio alla quota prescritta dalla regolamentazione tecnica vigente.

Nella fattispecie, l'installazione della caldaia a condensazione si potrà effettuare a seguito di una ristrutturazione importante o per sostituzione di una già esistente (se installata prima del 31 agosto 2013) si dovrà quindi scegliere obbligatoriamente solo fra i modelli a condensazione oppure a bassa emissione/rendimento sopra i 90+2 log Pn. Oppure scaricare i fumi di scarto combustione a tetto.

 

Novità: hai mai pensato di pulire le tubature idriche sanitarie prima di sostituire l'apparecchio?

Sapevi che è OBBLIGATORIO ?

Il lavaggio dell'impianto spesso si sostituisce o si abbina alla sostituzione per una maggiore resa termica, oltre che aumento di portata.

I nostri idraulici effettuano questo tipo di intervento in maniera specializzata e con procedimenti efficaci, sia chimici che controlavaggi ad acqua. Inoltre è possibile effettuare il lavaggio OBBLIGATORIO dell'impianto di riscaldamento.

Scopri come e quanto costa.

 

Passa a:

>> Fumi caldaia

>> Assistenza caldaie

>> Normativa caldaie

>> Pulizia caldaie

>> Riparazione caldaie

>> Offerte acquisto caldaie

>> Caldaie a condensazione

>> Normative caldaie a condensazione

>> Lavaggio impianto termico

 

Siamo Centro Assistenza Autorizzato "Sylber" e "Beretta" ed installatori di qualsiasi tipologìa di caldaie e scaldabagni.

Chiama gli idraulici professionisti di Idraulico In al NUMERO 349 21 375 91 oppure compila il form per essere ricontattato, i nostri tecnici saranno a tua disposizione per risolvere con rapidità ogni problema idraulico e termoidraulico a Milano, Monza e Brianza.

Per contattare un esperto idraulico gratuitamente e senza impegno, compila il seguente modulo:
Nome:
Email:
Telefono:
Messaggio opzionale:
Trattamento dati: Acconsento al trattamento dei dati (clicca per informativa privacy) e dichiaro di essere maggiorenne

 

Letto 39918 volte

48 commenti

InizioPrec123SuccFine

Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove indicato.
Codice HTML non è permesso.

 

Assistenza idraulici

 

Preventivo online

Per contattare un esperto idraulico gratuitamente e senza impegno, compila il seguente modulo:
Nome:
Email:
Telefono:
Messaggio opzionale:
Trattamento dati: Acconsento al trattamento dei dati (clicca per informativa privacy) e dichiaro di essere maggiorenne

Interventi idraulici

Sanitrit

sanitrit

Tutto sul trituratore Sanitrit. Tutti i modelli, quando e quale modello acquistare, i prezzi, le migliori offerte e tutti i consigli per l'installazione direttamente dall'idraulico di Idraulico in!